Il Culto Satanico degli Spacciatori Messicani: Adolfo Constanzo

 

Adolfo de Jesús Constanzo nato a Miami il 1 novembre 1962 fu un serial killer e leader di un culto in Messico. Il suo soprannome era “Il padrino di Matamoros”.
Fin da piccolo praticava la magia nera e l’esoterismo, sua madre praticava la santeria e usava per i suoi culti ossa di animali mentre lui ritevena più utile le ossa umane e iniziò ad andare nei cimiteri.
La madre di Constanzo lo creò come un seguace di Palo Mayombe, una religione schiava africana, fino a quando il giovane decise di dedicarsi a Kadiempembe, la sua versione del diavolo.
Cominciò a lavorare con le previsioni del futuro e della magia, avendo come clienti pesanti criminali come i gangster messicani, per i quali offrì protezioni come l’invisibilità e il potere di proteggersi dai proiettili.

adolfo-600x337

 

Costanzo visitò la Città del Messico nel 1983 dopo aver consultato le carte dei tarocchi. Qui reclutò due uomini più giovani: Martín Quintana Rodríguez e Omar Chewe Orea Ochoa come suoi servi, amanti e discepoli. Constanzo tornò a Miami ma poco dopo si trasferì a Città del Messico a metà del 1984. Negli anni successivi divenne il capo di un culto religioso con spacciatori di droga, musicisti e persino agenti di polizia sotto il suo comando.

Presto Constanzo fu arrestato e quando dichiarò che sarebbe stato un uomo malvagio e adoratore del diavolo stesso, affermò di non avere anima. Il culto con sede a Matamoros, Tamaulipas al confine con il Messico e gli Stati Uniti vendeva droghe eseguendo cerimonie occulte coinvolgendo grandi cifre di soldi e alla fine del 1987 uccise persone da usare in sacrifici umani. 60 persone sono scomparse nel 1989 in Messico.

Adolfo-de-Jesus-Constanzo-Foto-636x395

Oltre agli omicidi, c’era crudeltà nei crimini come la lacerazione di gole, genitali, decapitazioni e persino strappare cuori e polmoni dalle vittime ancora vive. Dopo di ciò, i criminali contraenti cucinavano i pezzi umani nei calderoni e bevevano la miscela di sangue, viscere e organi dei loro rivali. Le vittime erano i loro rivali, proprietari terrieri e anche bambini che usano come cavie per i loro rituali satanici nel loro ranch chiamato ” el padrino”.

Quando un turista americano di 21 anni, Mark J. Kilroy scomparve a Matamoros durante la tarda primavera del 1989 la polizia locale di fronte alle pressioni dei funzionari del Texas iniziò un’indagine importante.

51150fbde281e.image

Hanno scoperto il culto di Costanzo completamente per caso. Scoprirono che il corpo del turista fu squartato e bruciato, trovarono cadaveri senza cervello, intere famiglie massacrate, persone squartate, vasi con sangue umani, teschi. Un gran numero di omicidi inspiegabili non sono mai stati risolti e molti potrebbero essere collegati ma non ci sono prove. Molti uomini che sfidarono Costanzo finirono per morire. A volte venivano trovate intere famiglie con le dita, gli organi rimossi o parti del loro corpo staccate da esse. Uomini sono stati trovati nelle strade in modo che i bambini potessero vedere. Mostrò il suo potere ovunque ed era temuto da molti. Affermò che il suo Dio si illuminò quando gli omicidi furono odiosi, le vittime dovevano urlare mentre morivano. Questo spiega molte mutilazioni che sono state compiute. Con la sua morte è arrivata un’enorme lista di omicidi. 74 sono stati risolti, 14 erano bambini.

Dopo queste scoperte bizzarre, i suoi seguaci iniziarono ad essere arrestati, Constanzo scappò a casa di un suo seguace e si nascose insieme alla sua amante. Dopo essersi rifugiato per un mese a casa di suo seguace fu trovato e ordinò al suo seguace di sparare a lui e alla sua amante per fuggire dalla prigione.

Agentes-da-Polícia-Federal-mexicana-observam-um-corpo-desenterrado-do-Rancho-Santa-Elena-Foto-John-Hopper-AP
Uno dei leader più fidati di Costanza nel suo culto, Sara Maria Aldrete fu detenuta poco dopo la sua morte. Sara è nata il 6 settembre 1964 a Matamoros, Tamaulipas, era una serial killer nota come “La madrina”. Attraverso Adolfo è stata introdotta alla stregoneria e alla magia nera. Ha preso il soprannome “La madrina” e iniziò nella sua setta che era una miscela di Santeria, rituale guerriero azteco e Palo Mayombe con sacrifici di sangue. Molti dei corpi delle vittime della setta furono cotti in una grande padella chiamata nganga. Sara Aldrete Costanzo era la seconda al comando del culto e lei prendeva il potere quando Costanzo si viaggiava per lo spaccio. Nel 1989 Aldrete fu condannata per associazione a delinquere nel 1990 per sei anni. In un secondo processo fu condannata per diversi omicidi nella sede del culto Rancho Santa Elena e condannata a 62 anni di carcere.

Corpos-no-Rancho-Santa-Elena

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

Up ↑

%d bloggers like this: